L’ultimo mulino a pietra di Pizzoli?


Il mugnaio è un mestiere che sta scomparendo, ma qualcuno porta avanti con passione un mestiere che un giorno i nostri nipoti vedranno nei Musei del Futuro.

L’estate scorsa ho avuto modo di conoscere un personaggio molto speciale. Sono sempre più orientata ad apprezzare chi ha un mestiere, chi è in grado di far lavorare mani, braccia e cervello, con onestà e pazienza. In Abruzzo, in località Pizzoli in provincia di L’Aquila, il mulino Cavalli gestito dal signor Angelo, mugnaio da generazioni, è un esempio di come un mestiere impegnativo è una grande passione.
Un patrimonio storico al quale noi italiani non possiamo rinunciare, sempre più proiettati a costruire un futuro incerto. Questo posto meraviglioso ha più di 300 anni, non è un sito archeologico con ruderi a testimoniare il tempo che fu, ma pulsa di vita, di odori e di tanto amore. Eppure dopo lui questo posto rischia di chiudere. Non ci sono giovani che hanno la passione e la voglia di portare avanti una tradizione così impegnativa, ma soprattutto è sempre lo Stato, questo simpatico Stato italiano ad ostacolare le vere passioni. Vuoi per la legge sulla sicurezza alimentare, vuoi per lo scarso interesse economico che può avere un mulino. Un paese civile e ben organizzato, una politica orientata alla conservazione dei beni culturali, anziché alla cementificazione selvaggia, con lungimiranza ed intelligenza, avrebbe potuto contribuire a far diventare un posto come questo una grande attrazione turistica, mantenendo inalterato la cessione a terzi del bene prodotto.
Ti guardi intorno e ti meravigli. Ogni cosa che tocchi ed osservi appartiene alla storia, alla cultura di un popolo, quello italiano.

Il sig. Angelo ha conservato tutta una serie di bilance di “annata”. Si va da una bilancia degli anni 50, perfettamente funzionante ad una in ferro battuto, centenaria, che suo nonno aveva acquistato già usata. Non puoi fare a meno di notare il pavimento, costituito da ciottoli originali, levigati dal tempo, ma tenuti in perfette condizioni. Negli angoli i sacchi di grano da macinare e la crusca destinata al mangime per gli animali. E poi imponenti,  i mulini a pietra che trasformano il grano in farina. Il grano viene coltivato localmente, con concimi organici. Il processo di macinazione inizia con la pulitura del grano, con una vecchia macchina meccanica che si chiama “svecciatoio”. Viene passato nella tramoggia e poi versato nella macina a pietra che lo trasformerà in farina che verrà in seguito setacciata e versata nei sacchi. La pietra ha bisogno di manutenzione e così viene tirata fuori dalla sua sede attraverso un braccio meccanico che sembra una grande pinza. Viene controllata ed incisa nuovamente per poi essere riposta nella sua sede e iniziare di nuovo il suo ciclo di macinazione. Per darvi una idea di come funziona un mulino a pietra, guardate sul mio canale youtube:


Se vi capita però di fare una gita in Abruzzo, vi scrivo l’indirizzo del mulino Cavalli…

MULINO CAVALLI ANGELO
LOCALITA’ MADONNA DELLE FORNACI
S.PROVINCIALE 29 PER TEORA
LOCALITA’ PIZZOLI (AQ)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Abruzzo, Arti e mestieri, L'Aquila, Varie e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a L’ultimo mulino a pietra di Pizzoli?

  1. Bagnoli ha detto:

    Gradiremmo avere la Sua adesione alla ns. Associazione
    http://www.aiams.eu/index.php
    Grazie

    Mi piace

  2. diosalva ha detto:

    salve sono dell’aquila e sto girando un videoclip ad una compagnia di danza per un concorso, in una parte del video la coreografa mi ha lanciato l’idea di inserire delle danzatrici in una stanza con della farina e farle ballare sulla farina e vedendo il mulino e conoscendolo da piccolo volevo chiedere se è possibile girare questa parte del video dentro il mulino,,, potete aiutarmi?

    Mi piace

    • pausagolosa ha detto:

      Figlio mio, e come ti aiuto? Io sto a Roma 🙂 Cmq ho messo l’indirizzo del sig. Angelo. Prova ad andarci sabato mattina, verso le 10. Il sig, Angelo e’ anziano e se non c’e’ lui qualcuno lo trovi 🙂 Speriamo non lo chiudano il mulino..sarebbe un vero peccato..ciao

      Mi piace

  3. Paola ha detto:

    L’ha ribloggato su e ha commentato:

    Ripropongo un vecchio articolo del 2011 ancora attuale.

    Mi piace

  4. accantoalcamino ha detto:

    Quando leggo di queste splendide realtà a rischio “estinzione” mi viene un nodo alla gola: in Friuli c’è ancora un Mulino, quello di Godia, ancora in attività, è già sotto la tutela delle belle arti così, quando mancheranno gli anziani titolari nessuno si prenderà la briga di demolirlo:
    https://accantoalcaminoblog.files.wordpress.com/2015/11/la-signora-del-mulino1-002.jpg?w=727&h=485

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...