Biscotti alle noccioline


Eccoci di nuovo in questo giorno romano, piovoso e cupo. Per tenerci in allenamento in prossimità delle vacanze natalizie, vi propongo dei biscottini facili, facili che potete fare in collaborazione e regalare in sacchetti trasparenti ad amici e parenti. L’idea delle noccioline mi è venuta non avendo più frutta secca da utilizzare da abbinare ai biscotti. L’innovazione in questa ricetta è l’utilizzo del bicarbonato di ammonio (ammoniaca), mai utilizzato dalla sottoscritta. Il risultato di questo esperimento mi ha soddisfatto, per la leggerezza e la friabilità dei biscotti, rimane comunque dopo 24 ore una leggera umidità all’interno, evidentemente dovuta a fattori atmosferici. E’ inutile dire che l’ammoniaca si farà sentire durante la cottura. L’accortezza che ho usato è stata quella di aprire il forno più volte durante la cottura, per far uscire il vapore e consentire all’ammoniaca di dissolversi completamente.
Attenzione a che tipo di farina usate. Ne ho usata un tipo (macinata a pietra, piuttosto debole), che ha assorbito immediatamente i liquidi, quindi ne sono bastati  800 g. anzichè 1 kg come da ricetta. Regolatevi quindi prendendo una capiente insalatiera, versando una parte di farina e poi man mano gli ingredienti, se l’impasto risulta morbido aggiungere la farina, in caso contrario aiutarsi con poco latte tiepido. Stesso discorso vale per l’uso dell’ammoniaca. L’ammoniaca prima di essere usata, va diluita nel latte tiepido. Attendere qualche minuto e poi versarla nell’impasto!

Procedimento:

Forno 180 ° x 20 min circa

1 kg di farina 00 (usarne 800 g. e poi aggiungerla se l’impasto lo richiede)
300 g. di zucchero
200 g noccioline
4 uova
200 ml olio di semi
100 g. latte tiepido
20 g. bicarbonato di ammonio (trovate in commercio bustine di ammoniaca per uso alimentare)
scorza di limone grattugiato

In una grande insalatiera versate 800 g. di farina, gli altri 200 g. utilizzateli per stenderla o aggiungere in caso di impasto morbido. Versate quindi  lo zucchero e lasciatene da parte 50 g. che servirà per passare al mixer le noccioline.  Lavorate lo zucchero con le uova e la scorza di limone e poi versate l’olio, le noccioline tritate con lo zucchero ed infine l’ammoniaca che avrete diluito nel latte tiepido. Trasferite l’impasto sul piano di lavoro ed incorporate altra farina se l’impasto risultasse troppo morbido. Nel caso in cui l’impasto risultasse duro, aggiungete qualche cucchiaio di  latte tiepido. Formate una palla e lasciate riposare 20 minuti coperta con un panno. Tirate la pasta con il mattarello  e datele la forma che desiderate. Spolverizzate con zucchero di canna e poi infornate a 180° per 20 min. Quando vedete che i biscotti si gonfiano, aprite un po’ il forno e fate uscire l’odore di ammoniaca misto al vapore. Richiudete e finite di cuocere. Fate raffreddare per bene prima di mangiare. Ho fatto ciambelline, biscotti lunghi, biscotti a forma di biberon, insomma liberate la fantasia.Sono biscotti decisamente leggeri che possono andare bene per la colazione o accompagnati da un bel bicchiere di marsala secco.

Buona pausagolosa

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in biscotti, Cucina Italiana, Dolci e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Biscotti alle noccioline

  1. sembrano ottimi, potrebbe essere una buona idea per i fare i biscotti per babbo natale con i miei piccoli

    Mi piace

  2. accantoalcamino ha detto:

    Buona domenica!!! Visto che mattiniera? Li avevo visti nella mia posta ieri sera ed eccomi qui, golosa da “pausa golosa” per leggermi bene la ricetta.
    Ho l’ammoniaca (l’ho presa perchè vorrei fare i “cavallucci di Siena” hai una riceta da darmi?) ed ora so anche come adoperarla correttamente 🙂
    Ciao e grazie per i tuoi post “didattici” e golosi.

    Mi piace

    • pausagolosa ha detto:

      Attentissima come sempre:-) Sull’ammoniaca, vedo che siamo sulla stessa lunghezza d’onda, visto che la volevi usare. Mi raccomando solo sui biscotti. C’e’ una nota marca di panettoni, se odori bene, prima di mangiare, ti accorgi che c’è l’ammoniaca, in quel caso disturba notevolmente, perchè evidentemente nei processi industriali a volte la velocità non è buona consigliera..Ecco perchè a me personalmente non piacciono i prodotti industriali, si sente che sono fatti da macchine 🙂 Un bacio

      Mi piace

  3. miracucina ha detto:

    Mi piace questa ricetta, ho l’ammoniaca ma no la ho mai usata. Occasione giusta per farlo.
    A presto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...