Risotto con castelmagno, patate e pere


Dedico questa mia ricettina domenicale alla mia amica Libera, del blog Accantoalcamino

Sono sempre orientata a fare dolci, ma stavolta avevo in mente una ricetta salata. Delle tante foto che ho scattato oggi, poche sono venute decenti. Questa ricetta mi è venuta in mente mentre bighellonavo per Eataly qualche giorno fa, tempio del gourmad  con la puzza sotto il naso che crede di sapere tutto di cucina e si fida ciecamente della globalizzazione e dei Km 0 che ti vogliono propinare. Quelle insalate appassite alle 10 di mattina. Quelle mele della peggiore qualità vendute a caro prezzo. C’è di meglio nei mercati rionali. Bisogna avere occhio per fare la spesa.

A me hanno fregato una volta, mi è bastato.

Sono pigra,e dovevo andare in giro a cercare per Roma un formaggio difficile e particolare. Quindi trovandomi Eataly a pochi passi da casa era perfetto, sapere che lo avevano era rassicurante.  Al banco formaggi tutto è  perfetto ed asettico, tanto che il puzzone di Moena in una certa posizione mi appariIMG_7686 [Risoluzione del desktop]va pure “fashion”.

E poi la scelta tra un castelmagno di alpeggio e uno di qualità inferiore, mi ha tratto in inganno. E’ stato determinante per far fallire una ricetta che pregustavo da tempo.

Non sarò  Cracco, che ho incrociato in un momento di pausa, ma sono io, senza nemmeno una stella nel carnet, ma con qualche conoscenza sull’ABC della cucina e del vero slow food. Tanto che potrei smentire in maniera feroce le competenze sbandierate e sopravvalutate di un maleducato Bastianich, che sono sicura non si azzarderebbe davanti la sottoscritta a sputare nel piatto, sarei capace di spaccarglielo in testa.

A me sembra che questi tempi del cibo internazionale come Eataly, siano per pochi eletti riccastri, che non hanno nessun interesse ad insegnare alla gente cosa sia veramente la cucina ed i prodotti autoctoni, il vero Km. 0 . Il “gusto” autentico del cibo, la varietà ed il ricco patrimonio italiano. Quanto mi viene da piangere non potete capire, tantissimo. Qua la gente si fa fichetta mangiando Sushi e poi non conosce gli ingredienti per una matriciana.

Il castelmagno di Eataly d’alpeggio, pagato 37 euro al Kg. non sa di nulla, insipido, senza personalità. Rispecchia perfettamente il vuoto cosmico di quel grande tempio del gusto che si vuol far passare “esclusivo”. Al Conad di Modena ho trovato di meglio. Un reparto formaggi da far impallidire chiunque.

Il castelmagno è un formaggio molto particolare, di pasta dura, friabile. Ha un retrogusto amaro, che può somigliare a tratti al gorgonzola, un sapore intenso che non dimentichi, corposo. Un odore forte.

Consiglierei ai grandi buyer di Eataly, di preferire prosciutti nostrani, come ad esempio quello meraviglioso della Val Vigezzo: Prosciutto della Val Vigezzo, che viene affumicato lentamente ed ha un gusto fresco e soave. Ma che ci vuoi fare, oggi si vende il gusto di sorprendere, si vende il nulla. Si preferisce vendere un Jamon Spagnolo a 300 euro al Kg.

Per la mia ricetta, ho consumato quasi tutto il castelmagno acquistato (300 g). Sono delusa perché avevo molte aspettative. Sarà l’aria che cambia i formaggi, sarà la scarsa qualità del prodotto. Sarà quello che vi pare, ma non sono soddisfatta del risultato.

Dosi per 4 persone

150 g di castelmagno

350 g di riso carnaroli

mezza pera

1 patata piccola

cipolla

1 lt di brodo di dado vegetale

olio q.b

20 g di burro per mantecare

riso e patate e pera [Risoluzione del desktop]Fate soffriggere la cipolla con l’olio senza farla imbiondire, buttate il riso e fate tostare. Coprire con uno strato di brodo e aggiungete anche la pera tagliata a pezzetti. Mescolate sempre, quando il riso avrà assorbito tutto il brodo, buttatene altro e aggiungete la patata tagliata a dadini piccolissimi.

Mescolate fino a quando il riso avrà finito di cuocere. Aggiustate di sale e verso la fine tagliate a tocchetti il castelmagno e versatelo nella pentola. Una volta che il formaggio si sarà fuso, mantecate con i 20 g. di burro.

Servite con del formaggio castelmagno sbriciolato e un rametto di timo (se lo avete)

IMG_7692 [Risoluzione del desktop]

Buona pausagolosa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Primi, Roma e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Risotto con castelmagno, patate e pere

  1. accantoalcamino ha detto:

    Grazie Paola del pensiero e di questo post scritto in maniera esaustiva, sintetica ed efficace, ce ne vorrebbero tantissime di Paole nel web che mettano un pò le cose in chiaro. Un abbraccio con affetto, Libera.

    Mi piace

  2. wordpressfede ha detto:

    ciao, scusa, ho letto il tuo post, bello, però, dato che abito praticamente a pochi passi da dove producono il castelmagno, conosco il produttore, penso sia lo stesso dello store di torino e senza dubbio è il migliore in circonazione…
    Anche dalla tua foto si vede che al max. avrà 2-3 mesi di stagionatura, che sia d’alpeggio non vule dire nulla. Quello più sapidi sono quelli 7-8-9 mesi, cioè quelli chr cercavi te. Guarda che dalle mie parti, con quelle stagionature si arriva a pagarlo anche sui 50 euro/kg. E non da eataly.
    ciao

    Mi piace

    • pausagolosa ha detto:

      sicuramente e grazie della tua preziosa info, non è tanto il prezzo, ma è il concetto che non mi piace di Eataly, dove tutto è sopravvalutato. Grazie per le info, se hai un sito internet del produttore di castelmagno lo inserisco nel post

      Mi piace

  3. wordpressfede ha detto:

    Mah, io ci vado spesso ad eataly torino (a roma, due volte) e non trovo che tutto sia sopravvalutato, almeno a torino , sovente trovo prezzi inferiori da eataly che nelle solite botteghe-nicchia. Parlo di carne (presidio sf), birre, formaggi, salumi… Tutti prodotti di grande qualità.
    Ripeto, il castelmagno varia notevolmente proprio in base ai mesi di stagionatura, quindi dire insipido o meno, non vuol dire nulla.
    Uno dei (migliori) produttori presenti ad eataly torino è questo:
    http://www.occelli.it/it/56-castelmagno-alpeggio-d-o-p
    Non saprei se è presente anche a roma, credo di si.
    ciao

    Mi piace

    • pausagolosa ha detto:

      Grazie. Per me è caro, eccessivamente sopravvalutato. A Roma ci sono negozietti con cose sicuramente piu’ ricercate e meno care di Eataly. A me non piace, Sai sono punti di vista

      Mi piace

  4. wordpressfede ha detto:

    certo, punti di vista..
    Ci sono stato un venti giorni fa, (lavoro parecchi mesi all’anno a roma), però ad esempio di birre artigianali a 9 euro, io a roma non ne ho trovate eppure ho girato parecchio, parli di prosciutti, forse ti sono sfuggiti quelli dell’antica ardenga di Pezzani ecc.
    vabbè, sempre punti di vista…

    Mi piace

    • pausagolosa ha detto:

      E’ un tempio per gastrofanatici riccastri. Sulla birra non so cosa dire: sono astemia.
      Sul prosciutto, beh, sai non posso andare da Eataly e comprare tutto dando fondo ai risparmi. Semmai mi chiamassero per degli assaggi andrei volentieri. Ma la poi è casino, io non sono deferente anche se mi sponsorizzano ed invitano. Se c’è da fare applausi lo faccio, ma altrettanto se c’e’ da criticare

      Mi piace

  5. Anonimo ha detto:

    meno male che si può criticare, ci mancherebbe…
    che poi sia solo per riccastri non mi pare proprio, potrei farti una lista lunghissima di prodotti che costano meno da eataly che nelle varie botteghe – non credo di essere uno che si fa rapinare facilmente- proprio partendo dalle birre… ci sono poi tipi di pasta di gragnano che costano un po’ di più, ma c’è la garofalo, una delle migliori a livello semindustriale (laboratorio SF all’ultimo SdG) che costa esattemente come nella classica GDO, yougurt artigianali a 1,29 (non mi pare un furto) ecc. ecc.
    Certo costa un po’ di più che al solito Conad -tanto per fare un tuo esempio- ma io al Conad non ho mai trovato un presidio SF, anche se ovviamente ci sono ottimi prodotti.
    bye

    Mi piace

  6. accantoalcamino ha detto:

    Che bello leggere questo scambio di opinioni, buona settimana Paola♥

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...