Crostata di ricotta e visciole – ricetta –


DSCF4490 [Risoluzione del desktop]Ci ho messo più di un anno, e poi mi sono decisa a preparare la crostata di ricotta e visciole. Più di un anno fa scrissi un racconto, poi ripreso in un articolo di Romatoday e da un trasmissione radiofonica su 11Radio in occasione della giornata della memoria il 27 gennaio 2014. Ringrazio il giornalista Fabio Grilli che ha scoperto il mio racconto e lo ha fatto conoscere alle persone pubblicandolo, era solo una mia memoria personale di una giornata con la persona che ho amato di più in assoluto: mia madre. Mi sono sorpresa a leggere i tanti commenti che mi sono giunti, e la sorpresa inaspettata di un DJ di una radio locale, leggere il mio racconto, commuoversi e sorprendersi. E’ una bella soddisfazione. Le persone hanno bisogno di emozionarsi, così come hanno bisogno di mangiare un dolce fatto bene, creato con amore ed attenzione. E così ecco, che domenica mattina, mi sono svegliata presto, ed ho realizzato quella crostata che io e mia madre non siamo mai riuscite a mangiare insieme. La domenica mattina io e mia madre consumavamo insieme i dolci che preparavo, pronti per essere pubblicati su questo blog. La crostata che ho preparato è molto diversa da quella di Boccione a Portico D’Ottavia, ma ci ho messo tutti i ricordi e gli ingredienti giusti per trasformarla in qualcosa di molto personale, di molto goloso.

Pasta Frolla

3 uova (2 tuorli + 1 uovo intero)

300 g. di farina

150 g. di burro

120 g di zucchero

1 cucchiaino di lievito in polvere

1 pizzico di sale

scorza grattugiata di limone

Ripieno

200 g di ricotta di mucca

3 cucchiai di zucchero

vaniglia

scorza grattugiata di limone

4 cucchiai di marmellata di visciole

Cottura: 30 minuti forno elettrico 180°

Per la pasta frolla: lavorate il burro con lo zucchero, il pizzico di sale e la scorza di limone, poi aggiungete man mano le uova, incorporate la farina alla quale avrete aggiunto il lievito. Se vedete che l’impasto è molto morbido, aggiungetene dell’altra, ma non esagerate. Mettete la pasta frolla nella carta trasparente e lasciatela in frigo per due ore. La pasta frolla va sempre lavorata a freddo.

Per il ripieno: lavorate la ricotta con lo zucchero, la vaniglia e la scorza di limone. La marmellata andrà messa in seguito. Passate alla preparazione della crostata da infornare. Stendete la pasta con il mattarello, fate due dischi. Il primo disco va messo nella teglia e bucherellato con la forchetta, avendo cura di foderare la teglia che sia rotonda o rettangolare, in maniera che il ripieno non fuoriesca. Stendete per bene lo strato di ricotta, e sopra spalmate i 4 cucchiai di marmellata di visciole, cercando di non mischiare gli ingredienti, devono essere due strati separati. Mettete quindi il disco di chiusura, sigillate i bordi, bucherellate la superficie con la forchetta e infornate per 30 minuti a 180° – Attenzione al forno. Quelli moderni ed elettrici sono molto potenti, quindi dovete abbassare la temperatura di 10 gradi. Quando vedrete che la torta avrà un colore biscotto, è pronta. Spegnete il forno e lasciatela raffreddare la dentro.

Toglietela dalla teglia e spolverizzate con zucchero a velo.

Buona pausagolosa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in cucina romanesca, Dolci, torte e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Crostata di ricotta e visciole – ricetta –

  1. accantoalcamino ha detto:

    Ciao Paola, ricordo quel racconto, sono andata a rileggermelo. Un abbraccio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...