Un punto esclamativo, si cambia!


E’ da qualche anno che faccio fatica a tenere questo blog. A me piace cucinare, ma non la ritengo una passione, è una necessita ed un piacere relativo. Ho pensato a chiuderlo, a cosa serve l’ennesimo blog di cucina?

Non ho voglia di scervellarmi a cucinare ricette e poi mangiarmele ed ingrassare. Mi fa male ingrassare porca miseria. Ogni giorno vado a camminare almeno mezz’ora perché l’estate scorsa ho avuto un grave problema di salute alle gambe. Non vi aggiungo altro per non tediarvi.  Voglio invece raccontarvi una storia vera ed è la mia.

Ho sempre avuto segretamente delle passioni che ho tenuto nascoste perché avevo un lavoro ufficiale dove dovevo mantenere una reputazione, essere distaccata, sobria e rigida, in seguito alla perdita del lavoro ho visto la mia vita ed aspettative professionali polverizzarsi. Ridimensionarsi attraverso il lavoro manuale, omologarsi era l’unica strada per reinventarsi, spesso però dobbiamo lottare con le nostre resistenze interne che emergono prepotentemente.

Ho altre passioni nella vita e mi dispiace tanto per voi che mi seguite da anni per i ciambelloni o le torte colorate, ma non sono la cucina o fare dolci. A me piace scrivere, rendere edotte le persone che si rifiutano di vedere la realtà. Tanti mi seguono, altri per la fretta sbattono la porta, ma non capiscono che è un errore avere fretta e non leggere, non soffermarsi. Diventate ostaggio di chi intellettualmente riesce a manipolarvi.

Ci sono tanti bravi scrittori oggi che non riescono a pubblicare, perché mai mettermi a scrivere l’ennesimo libro, per provare la stessa frustrazione che ho provato quando ho pubblicato il mio primo lavoro muisicale che ha venduto relativamente poco perché non ho la Sony o la Warner a pomparmi sulle radio?

Fossi scema, un’altra esperienza così devastante,  loss money e che fa perdere tempo non la augurerei al mio peggior nemico.

Ho questo blog per raccontarvi storie – gratuito –  analizzare con voi la vita di tutti i giorni, compresa la politica e rendervi edotti su come vi fregano ogni giorno, come ve la “imbastiscono”, come la politica vi sta annientando e rendere inermi e senza più voglia di reagire.

Ho passato gli ultimi 25 anni della mia esistenza a lavorare per delle aziende multinazionali dove ho fatto di tutto, prevalentemente nei settori strategici e logistici, sebbene sia passato molto tempo, qualcosa mi è rimasto di quello che ho fatto in passato. Ho tenuto però le cose buone e dimenticato quelle pessime.

La scrittura l’ho utilizzata quando ho prestato la mia opera volontaria nel Movimento 5 stelle. Ero nella comunicazione romana, scrivevo articoli per il blog locale ed i social, oltre ad aver fatto del vero attivismo sul territorio – allora ci credevo – mi sono occupata di tante altre cose all’interno del M5s; quando lo consideravo un partito onesto. Oggi lo considero una azienda di utili di basso livello, dei veri disonesti intellettuali che hanno truffato 9 milioni di italiani.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dolci. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Un punto esclamativo, si cambia!

  1. Narirosaria ha detto:

    Perché dici che il movimento cinque stelle ha truffato 9 milioni di persone cosa sai che noi comuni mortali non sappiamo. Ti seguo da un bel po’ di tempo e non solo per le ricette

    Mi piace

    • Paola ha detto:

      ve lo spiegherò nel dettaglio perché vi ha truffato. Ci ho passato più di due anni. Mi spiace, ma devi leggere la mia biografia. Non te lo dice una “cazzara”, ma una che vanta una solida esperienza professionale e ha conosciuto il movimento come era e come è diventato. Sappi che ci credevo e mi è dispiaciuto tanto che sia andato a finire cosi’.

      Mi piace

  2. Io ho iniziato a seguirti da poco, però non pensavo facessi cose di cucina, ma che raccontassi storie! Quindi ti seguirò anche se cambierai tendenza 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Ciao Paola, secondo me puoi fare bene sia l’uno che l’altro, tutte due, lo scrivere e il cucinare ti riescono alla perfezione. Ricordi che dovevo venire a Roma e tu avevi un impegno coi 5 stelle? Beh, sono stata zitta perchè eri così entusiasta ma io immaginavo già cosa, alla fine, sta succedendo. Ora il problema sarà la “spartizione” dei voti di chi aveva dato la fiducia. Sarebbe potuta essere la vera svolta per l’Italia, una bella “pulizia generale” ma si è verificato quello che tutti sappiamo: quelle poltroncine trasformano le persone… Un abbraccio ❤

    Mi piace

    • Paola ha detto:

      Hai ragione, ma sai l’entusiasmo c’è sempre perché ho a cuore le sorti della gente che vive in privazione, chi vorrebbe studiare e non può. Il diritto al LAVORO, alla CASA ad una sanità decente. Tutte cose che si sono dimenticati in frettadi sistemare. In tre anni hanno fatto solo flash mob e baracconate varie. E’ prevalso come sempre il modo di essere italiano: meschino, individualista, menefreghista e teso a fregare l’altro in ogni occasione.
      Ti do una notiza, io non appartengo a nessuna di queste categorie. Come me tanti si sono eclissati, disgustati da gente che è in Parlamento o al Comune o in altri enti locali (li conosco personalmente alcuni di loro, quando non erano nessuno ed erano morti di fame che promettevano e usavano la retorica spicciola), e ora bisogna “superarlo” il M5s, ma non a chiacchere, a fatti veri. Non ci possiamo più permettere di vivere così ed ognuno di noi deve fare il suo. Io lo faccio scrivendo, ma anche facendo azioni concrete, lavorando con chi è fuori uscito da quella setta di arrivisti meschini.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...