Ma che ve volete festeggià, Garbatella l’avete ammazzata!


Stavolta il post lo scrivo in un misto italiano/romanesco, si da il caso che oggi il mio quartiere compia 96 anni. E’ un quartiere storico di Roma ed ha una storia molto particolare che vi invito a leggere qua, ma non voglio parlare in termini positivi di quello che oggi è la Garbatella e dei suoi abitanti rassegnati ed abulici. Diciamo che questo quartiere era uno degli ultimi posti di Roma dove si viveva ancora bene, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un degrado totale, ed oggi mostra un volto irriconoscibile per chi ci è nato e vissuto e forse ci morirà.

E’ diventato un cesso a cielo aperto sto quartiere. E si, la Garbatella n’do abito da sempre ora ha un volto sfigurato. Io qua ce so addirittura nata, nella clinica che oggi se chiama Concordia Hospital vicino a Largo delle Sette Chiese. Na vorta se chiamava Villa Letizia, e me ricordo che ce feci pure le tonsille. Tutti quelli della Garbatella annavano a fasse operà a Villa Letizia o ce nascevano, artri ce so’ morti.

IMG_6353Era un fiore,  la gente se puliva “er pezzetto” davanti casa e baccajava co li scopini quanno nun pulivano bene. Anzi, me ricordo che li scopini a matina te salutavano. Ogni anno potavano l’arberi e rifacevano le strisce pedonali quelli der Comune. Ogni anno facevano quarcosa, e nun festeggiavano i compleanni e poi la mannavano in malora. A gente lavorava tanto, se spaccava la schiena, perché la maggior parte delle famije erano de estrazione proletaria come la mia.

A sera quanno ritornavano a casa, i padri magnavano e annavano a dormì e d’estate  se scenneva tutti sotto er cortile a chiaccherà, quella era l’unica vacanza pe tante famije proletarie.

Quinni fateme er piacere: a me nun me venite a fa a morale sventolannome sotto ar naso Marx, io l’ho vissuto quello che scriveva Marx, mentre molti de voi che se professano de sinistra e vicino ar popolo, vivono in case lussuose e durante l’infanzia passavano le vacanze nella casa al mare affittata da mamma e papà.

Noi regazzini de famije de poveracci, c’avevano la sensazione de sta dentro a un paese e nun immaginavamo che defora c’era un monno vasto, a noi ce bastava er cortiletto e de corre tra le lenzola stese, volevamo vive tranquilli.

Da grandicelli sognavamo un giorno de uscì da qua, ma poi compiuti i 15 anni er destino era segnato, pe un proletario senza un titolo de studio annavi a lavorà a bottega o a imparà n’antro mestiere.

Nonostante provenga da famija proletaria ho potuto studià e lavorà all’estero, ma no co i fondi de mamma e papà, so annata a spigne, a pulì e scale e le camere d’albergo. E quanno stavo fori ce pensavo a sto quartiere. Me mancava a famija, er profumo delle mimose o le passeggiate tra i lotti, dove i vecchietti se curavano i giardinetti e guai a rovinaje er pezzetto loro. C’avevano ragione pore crature, come daje torto quanno a vita j’aveva levato tanto?

A vita è stata tosta pe tanti che hanno vissuto a Garbatella e oggi nun ce so’ più. Tipo mi padre che era nato in un lotto de Garbatella e qua se sentiva a suo agio, fino a che pure lui nun ha desiderato a provà a annassene, ma nun j’ha fatta. E’ come se chi nasce a Garbatella ce deve pure da morì, perché in pochi possono dispiegà le vele.

Se teneva all’ordine e alla pulizia, e ce pensava er Comune a pulì, perché la bellezza e tenecce nun è né de destra né de sinistra. Tenecce è n’fatto umano che te nasce dentro ar core!

I partiti politici mai come oggi cavalcano demagogicamente ogni argomento per politicizzarlo e creare solo confusione e senso di frustrazione negli abitanti di questo quartiere. Mi riferisco naturalmente a tutte le forze politiche locali che in tutti questi anni sono stati incapaci a fare, ma molto capaci ad usare la lingua per fare inutili proclami da dare in pasto alla stampa, intanto il degrado ha preso il posto della bellezza.

248386_4978998283261_1303709180_nA verità è che oggi abità a Garbatella risulta “pesante”. A matina  te arzi e nun voresti abità quà. Sotto le finestre ce stanno li padroni dei cani che fanno cacà er cane sur marciapiede, la merda è liquida, puzza e je fa schifo raccojela. C’hanno pure da ridì se je rompi li cojoni. I marciapiedi so’ pieni de buche e te tocca sta attento a n’do metti li piedi; nun sapete le vorte che so’ cascata a faccia in giù, come a tartaruga de Trilussa, ma no pe vedè le stelle!

Quanno vado a buttà a monnezza quarche signora me chiede: andò a devo buttà sta roba naa plastica o ner vetro? O sanno che baccajo come na disgraziata. E nun ve preoccupate che avè na coscienza civile in questo quartiere è un problema grosso, perché a maggior parte se fanno li cazzi loro o se girano dall’artra parte!

E che volete che nun ve sento? Ma chi te lo fa fa? Ma lascia perde, è tempo sprecato! L’avete ridotto un cesso sto quartiere, sopratutto er Comune che ha fatto cresce l’arberi allo stato brado e le erbacce dalle strade ce le dovemo levà da noi.

Ma nun ve vergognate? Nun ve vergognate de aprì le pagine facebook, inondalle de foto daa Garbatella de un tempo e dì: “ah quanto era bella” e intanto nun fate un cazzo pe rivendicà er diritto de vivece bene: tenecce a sto quartiere, fallo pulì da loro,  spigne sulle istituzioni locali che vengono pagate pe nun fa n’cazzo, basterebbe mannà na semplice mail, o annà a baccajà ar Municipio, tutti li santi giorni che ha fatto er Padre Eterno! Nun c’è bisogno de formà n’antra ed inutile associazione de cittadini o creà n’antro partito politico che se va a prenne solo er gettone presenza ar Municipio e nun conclude niente.

Nun dovemo pulì noi e fasse comprà la motosega pe abbatte l’arberi malati, a matti!

E’ piena de acciacchi e l’artrosi sua so’ le tante crepe dei palazzi popolari e l’intonaco che viè giù, le strade piene de buche, l’incuria che regna sovrana,  l’abbrutimento espanso come na macchia d’olio motore. Che devono fa l’abitanti? Rassegnati se vortano dall’artra parte e cercano de sopravvive. L’aria pesante de rassegnazione che se respira a Garbatella c’è in tutta Roma! Ma qua la speranza de un pur minimo cambiamento, sembra morta.

Dar dottore mio ce stanno na marea de foto daa Garbatella, a me che me piace da fotografà me le guardo mentre aspetto er turno mio,  me viè da pensà: ma sto quartiere n’do sta più? Semo rimasti in pochi a ricordacce quarcosa, noi nati a ridosso dell’anni 70, quanno ancora se riusciva a parlasse con na certa frequenza, a volleje veramente bene a sto quartiere, a riconoscese e sapè tutto de questo o de quello.

Oggi c’avemo un presidente de Municipio che so’ 14 anni che nun schioda, ne ha fatto er feudo suo co tanto de confini – manco è de Garbatella – nun se riesce a mannallo a casa, finito lui, c’avremo artra gente de SEL o PD (già hanno deciso sti dittatori che saranno loro a governalla) che devono mantenello a feudo, affossallo e cercà er più possibile de nun fallo sviluppà e cresce come se conviene a un quartiere DE RANGO.

No, dovemo rimanè proletari, stracciaroli a vita, volà basso e nun avè troppi grilli paa testa. Come arzi er ciccio o c’hai da ridì come faccio io, sei additato come fascista! Fascista io? Tacci vostra, roba che mi padre ha imbracciato un fucile a 13 anni insieme ai partigiani pe combatte li tedeschi, proprio sparando da un palazzo de Garbatella e me venite a di a me che so’ fascista? Ma limortacci vostra, che coraggio!

Capito, semo “fascisti” solo perché volemo sapè quanto pagano d’affitto i partiti politici che c’hanno le strutture ATER o der Comune a Garbatella a loro disposizione, però nun trovano no straccio de posto pe dallo in concessione a n’associazione de disabili.

Semo fascisti perché nun volemo più stasse zitti, semo fascisti perché j’annamo a toccà l’orticello loro. Semo fascisti perché molti di noi nun vonno festeggià un compleanno che è na messa in scena. Semo fascisti perché volemo sapè la verità, e la verità i partiti sia di destra che de sinistra non la raccontano da 50 anni.

Ma che c’avrete da festeggià, la Garbatella l’avete ammazzata!

Qualche foto scattata da me a questa “povera Garbatella”

foto garbatella

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politica, Roma, società e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...