Gettonopoly romana


Ho scritto un post su facebook un po’ di giorni fa ed ha avuto molte condivisioni. Indovinate perché?

Scrivevo semplicemente che per entrare in politica oggi bisogna essere onesti intellettualmente, avere il coraggio delle proprie azioni, e sopratutto essere capaci a mettersi contro gli altri partiti, non saltando sui banchi o baciandosi con la persona dello stesso sesso tra gli scranni istituzionali, ma bisogna denunciare quelle cose che fanno comodo a tutti i partiti, che li fa mettere d’accordo, perché l’omertà regna sovrana sia a destra che sinistra, ed è in essere anche nel Movimento 5 stelle da qualche anno. Parlo naturalmente dei gettoni presenza “regalati” ai politici nei Comuni di tutta Italia e nei municipi di Roma.

Quanti hanno perduto lavoro e casa? E’ inutile vi descriva una cronaca che conosciamo bene. Ciò che non conoscete è che ci sono persone e politici che si assumono la responsabilità e rinunciano a dei privilegi, sono pochi e “matti” come Marco Valiani   consigliere comunale di Livorno, che qualche giorno fa ha presentato una interrogazione per chiedere ai colleghi 12742586_1164706346875708_8802369978643805237_ndi tutti gli schieramenti di ridursi il gettone presenza, vista la situazione di crisi del Comune e di molti lavoratori. E’ stato un atto di buon senso, un vero atto politico che non vedevo da tempo, in un momento in cui tutti, ma proprio tutti siamo messi male a soldi.

La risposta del consiglio comunale di Livorno è stata agghiacciante, compresa la risposta dei “sacerdoti della morale e della onestà sbandierata a 5 stelle: NO! NO! NO! Il gettone presenza non si tocca.

Quel “matto” di Valiani ha dimostrato la malafede non tanto dei partiti ma delle persone. Lui sapeva la risposta, ed ha voluto dimostrare con quel vero atto politico, come la mentalità in questo Paese non vuole mutare. Sappiamo in molti casi che prima di attivare un cambiamento, ci vuole il sacrificio di tutti, ma vediamo che in Italia rinunciare è qualcosa di insostenibile.

In molti Comuni d’Italia i gettoni presenza sono stati ridotti all’osso, alcuni consiglieri vi hanno rinunciato continuando il loro lavoro da volontario, altri comuni cercano di discutere i temi importanti facendo pochissime sedute.

E’ cronaca di oggi lo scandalo dei Comuni al sud che hanno gonfiato a dismisura le sedute di consigli e commissioni, intascando gettoni presenza per qualsiasi cretinata e rimborsi di ogni genere, la legge glielo consente, ed il diritto spesso in Italia lo possono esercitare poche persone che guarda caso si riuniscono sotto la bandiera di un partito.

Un bel giorno è arrivata la magistratura che ha piazzato le telecamere in vari comuni e ci ha mostrato una realtà di ruberie a cui nemmeno loro erano preparati, e il magistrato non riesce a metterci una pezza perché questi immorali in alcuni casi fanno ricorso al TAR, e la cosa assurda è che vincono pure.

Da nord a sud, l’Italia è attraversata da grande sacche di omertà politica.

Alcuni articoli imbarazzanti sullo scandalo gettoni presenza in tutta Italia

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/10/11/news/lo_scandalo_dei_gettoni_facili_alt_alle_presenza_farsa_-124847525/

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/quot_gettonopoli_quot_al_comune_di_palermo_basta_un_minuto_commissione_gettone_di_presenza-1388991.html

http://www.europinione.it/comuni-italiani-a-pezzi-tra-scandali-gettoni-e-giochi-di-potere/

Alcuni anni fa avevo scritto un articolo su quanto costavano i municipi a Roma, anni prima il Messaggero aveva fatto una inchiesta sui rimborsi d’oro ai consiglieri e dopo quella inchiesta cambiarono molte cose, tolsero tanti sprechi inutili e francamente immorali. Dopo aver assistito ad alcune riunioni di consiglio e ad una commissione sul sociale, oggi ho un quadro molto chiaro di quanto siano inutili i municipi romani, così come sono stati gestiti fino ad ora.

Roma ha 15 municipi e in questi municipi ci sono un presidente ed un parlamentino composto da varie correnti politiche. I rappresentanti sono un numero variabile che è di 22/24 rappresentanti. Il presidente e gli assessori percepiscono uno stipendio, anche notevole per quello che devono fare.

Le sedute dei consigli vengono decise dal presidente e dai consiglieri in base alle mozioni da presentare, e controllando sul sito del Comune di Roma, vengono effettuate tutte e 15 le sedute mensili, che sono il numero massimo stabilito. Ogni consigliere ha diritto ad un gettone presenza di 50 euro lordi, e se il consigliere lavora per una ditta o lo Stato, il suo “datore di lavoro” verrà rimborsato dal Comune di Roma per le ore di assenza del suo lavoratore. Quello che si conosce è che il datore di lavoro viene rimborsato con la stessa cifra che percepisce il consigliere, quindi avremo una busta paga di 1400 euro nette, che paga il cittadino romano.

Ecco a confronto due municipi romani, l’VIII e I, sono solo i compensi trimestrali:

Dovete sapere che vige ancora un giochetto tra futuro consigliere e prossimo o farlocco datore di lavoro, lo avevano denunciato molti giornali: sono disoccupato, e so che verrò eletto. Tu mi assumi così ti prendi il monte ore che io sottraggo al lavoro per andare in consiglio, anzi, ce lo stecchiamo, poi metto su un circo mediatico scrivendo sui social che fare il consigliere è una perdita di tempo e bla bla, in maniera che i miei elettori mi dicano: ma che bravo, che cattivi quelli del consiglio municipale che non hanno meglio da fare che discutere di F35 anziché di buche e vecchietti senza assistenza sociale. Intanto che loro discutono, mi faccio amici tutti i partiti, perché a tutti fa comodo lasciare le cose così. Intanto che i partiti discutono, c’è chi verbalizza entrate ed uscite dei consiglieri. Vogliamo evitare che si vadano a prendere un caffè o al bagno? Non sia mai! Dopo ci dicono che i cittadini romani sono carnefici. Poi vai a leggere i verbali, ci sono centianai di carte e mozioni, proprio quelle che i 5 stelle odiavano ma che anche loro producono come matti e scopri dal verbale che qualcuno è uscito e non è rientrato in consiglio. Mah, sarà andato al bar? Intanto il consiglio si chiude e sul verbale risultano tutti.

Roma ha 14 miliardi di debiti, però si permette ogni anni di spendere 4 milioni di euro per mantenere i politici dei consigli municipali e toglie i soldi al sociale ed al decoro urbano.

Roma si permette di dare uno stipendio a gente immorale che conta zero nelle decisioni e non può prendere alcuna decisione perché non ha soldi da gestire.

Roma si permette di pagare gente che vota regolamenti che non capisce o che non vuole capire, per fare il piacere a questo o quell’altra ditta e magari prendere soldi sottobanco.

Nel mio municipio ci sono consiglieri che hanno l’incarico da anni, perché il mandato si può protrarre all’infinito, non c’è un limite alle candidature. Poi c’è chi ci campa perché non ha altre alternative lavorative, piacerebbe a chiunque prendere 700 euro nette al mese e lavorare un paio di ore a settimana. Non giustifico chi si straccia le vesti e grida all’onestà e poi non fa venire fuori queste cose, è il più immorale di tutti, perché la cialtroneria ed il ladrocinio degli altri partiti la conosciamo bene.

La cosa più grave non è tanto percepire il gettone presenza, ma la cosa grave di questi gruppetti di potere politico è il fatto che si radicano in un territorio e se lo spartiscono per zone e così proliferano i clan, loro sanno bene che le persone non si mettono a controllare, non abbiamo tempo, ci prendono per sfinimento. Dal municipio è una carriera in salita, si passa al Comune, poi in Regione e poi il nazionale è vicino.

Si discute di tutto in questi consigli di classe di gente cresciutella, tranne di verità che vengono taciute e cioè che i consigli municipali sono uno sperpero di denaro che non ci possiamo più permettere. I consigli municipali non hanno alcun potere e il poco che hanno lo esercitano anche male. Basti pensare che l’attuale presidente di municipio dove abito vorrebbe presentarsi per la terza volta alla carica, e ha fatto anche una bella presentazione del suo lavoro, della sua inutile presenza sul territorio https://mynameiscactus.wordpress.com/2016/02/26/come-pd-e-sel-fanno-campagna-elettorale-a-scrocco/.

Ostia è stata commissariata per Mafia e mi risulta che un altro municipio di Roma è sotto inchiesta dalla magistratura per alcuni appalti truccati. Pensate quindi se potere e soldi confluissero nei municipi da un momento all’altro e questi potessero gestire tutto quel fiume di denaro per amministrare qualcosa che va controllato ogni istante dalla magistratura. Perché i soldi dati così allegramente ai municipi potrebbero sparire, non essere monitorati o dati gli appalti misteriosamente ad amici di partiti che si conoscevano prima. Sono soldi degli italiani questi, da nord a sud. Soldi che voi tutti pagate con le tasse e dovete sapere che molti soldi del nord servono per mantenere la politica da Roma in giù. No, non sono pro Salvini,  né leghista, né fascista, voglio solo mettervi al corrente da romana, quanto la politica romana sia svergognata, immorale, raccapricciante, infima, bugiarda e calpesti ogni giorno i diritti sanciti dalla Costituzione.

Ci sono in ballo tanti, tantissimi soldi che aspettano solo di essere sbloccati, e questi sciacalli lo sanno benissimo. Se è vero che ai municipi arriveranno più soldi ed autonomia, significa che noi cittadini dovremo andare a verificare ogni bando che verrà emesso, il flusso di denaro che transiterà dal Comune al Municipio. Ho notato come si stanno muovendo altri partiti, male, molto male. Stiamo precipitando di nuovo verso l’immoralità, i magheggi, e sono piuttosto convinta a pensare male di chi si presenta con una immagine ripulita e denti bianchi, o peggio chi rivendica dopo anni di fare gli interessi dei cittadini e invece sta pianificando di occupare pezzi di città. Roma in questo momento è Città aperta!  Ci sono in giro facce poco raccomandabili, idee vetuste e la codardia di non ammettere che i municipi sono un centro di potere che non serve al cittadino, ma sono solo funzionali alla esistenza in vita di quei cadaveri in putrefazione che sono i partiti, compreso quello degli onesti a chiacchere.

Non riesco a capacitarmi come in 3 anni il 5 stelle a Roma non sia stato capace ad ammettere come ha fatto Valiani a Livorno, che prendere il gettone presenza è un atto immorale o andrebbe dimezzato, visti i tempi bui. A me non impressiona la produzione di carte. Fare il travet non era l’obiettivo del 5 stelle. L’obiettivo era far emergere la merda che esiste anche nei municipi, ma non è venuto fuori nulla. Il 5 stelle vuole chiudere le Provincie che ritiene inutili, però vuole lasciare aperti i municipi, non ha mai fatto parola nei suoi programmi di chiuderli o modificarne la natura giuridica.

Oggi il Messaggero ha scritto che a Roma servirebbero ogni anno 10 miliardi di euro in più per essere amministrata decentemente. Mi auguro dopo Mafia Capitale, buche e quanto altro che la magistratura metta un suo uomo fisso in ogni municipio, perché questa gente va controllata, monitorata, totalmente inaffidabile e moralmente non nella posizione di poter essere custodi degli affari dei cittadini romani ed esercitare il diritto. Nessun partito può rivendicare oggi la parola ONESTA’, perché l’onestà nella politica è un ossimoro!

 A proposito, aggiungo anche gli emolumenti della vecchia giunta Marino e del commissario straordinario Tronca. Mica male!

Chissà se con Virginia Raggi come sindaco a Roma, l’onestà andrà veramente di moda. Mica male per una che guadagnava poco, molto poco, arrivare a guadagnare improvvisamente 10 mila euro al mese di stipendio lordo. Mica male!

 

marino tronca

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Gettonopoly romana

  1. eliacomu ha detto:

    Brava come al solito … Condivido quasi tutto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...