I primi due mesi all’VIII Municipio del Movimento 5 stelle


Ho atteso un paio di mesi per scrivere questo articolo, attendevo il risultato della propaganda 5 stelle sulla monnezza romana. La deadline della Muraro era per il 20 agosto. Ad essere onesti i cassonetti sono vuoti, ma le strade sono zeppe di immondizia e maleodoranti. A luglio del 2015 avevo fatto un reportage poi finito su Romatoday dove denunciavo il degrado del Municipio VIII. A tale proposito Romatoday è piena di miei articoli sul degrado per non parlare delle tante segnalazioni inascoltate mandate al pessimo Municipio VIII.

Quindi tranquilli accoliti del 5 stelle che non sono né piddina e nemmeno pro Catarci ex presidente, sono semplicemente a favore della verità, e il 5 stelle la verità non la vuole raccontare e come tutti i regimi che si rispettano, non vuole mettere in discussione il suo mediocre operato. Ora che si comincia a fare sul serio, ad immergersi nei problemi reali, il 5 stelle scopre l’affanno, la difficoltà ed il disagio per aver raccontanto fandonie. Sono lontani i mesi in cui la tracotanza e la faciloneria facevano di questi novelli Robespierre gli unici titolati a risolvere secondo alcuni elettori le infinite criticità di questo territorio che vanno dall’ambiente al sociale.

Catarci ex Presidente dell’VIII Municipio in questi anni ha giocato a prendersi i meriti di altri su qualunque argomento, ed ha potuto essere rieletto fino alla sua disfatta, perché Catarci la imbastiva alla gente con le chiacchere e la gente si era rincoglionita, ci credeva, Catarci era così abile con la parola che li prendeva per sfinimento. La gente di qua è stata sempre molto mite e crede che Cristo è morto dal freddo. Chiunque può raccontare la sua personale verità e demagogicamente costruirci una carriera.

Io e Catarci non ci siamo mai stati simpatici, ma almeno mi ha ricevuto a denti stretti, e sono riuscita a strappargli la promessa poi mantenuta nel 2012: l’apertura di parco Malocello. I consiglieri Vivarelli e Cafarotti del M5s non hanno mai alzato un dito per i parchi ed il decoro. Mai stati operativi se non a chiacchere, sempre molto evasivi e per nulla concentrati a volere risolvere i problemi, non avendo gli strumenti mentali per farlo, ma anche non volendolo fare. Cafarotti dovete sapere che dopo un anno dalle elezioni dette le dimissioni da consigliere, perché non si sentiva più in grado di farlo per impegni di lavoro. Quindi pensate  con quale leggerezza prendono le decisioni queste persone.  Prima fanno il diavolo a quattro, sgomitano, postano foto mentre puliscono il parco pieno di merda, fanno di tutto per essere eletti, poi si rendono conto che è solo una rottura di coglioni fare il consigliere a pochi soldi o gestire un Municipio incasinato e alla fine decidono vigliaccamente di dare le dimissioni e mandare tutto in vacca, senza pensare che dei cittadini ignari si erano affidati a loro come unica speranza.

Oggi il parco che abbiamo voluto far aprire noi blogger e giornalisti versa in condizioni schifose grazie alla penosa gestione che ne fa e ne ha fatto il  Municipio. I residenti dei palazzi mi hanno confessato che era meglio prima quando pagavano 300 euro all’anno a testa e un giorno si e uno no avevano i giardinieri a pulire. Confermo la bellezza di allora e il totale sciattume di oggi. Tutto quello che entra in possesso del Municipio diventa “cacca”, è la storia del Re Mida all’inverso.

Paolo Pace è solo agli inizi, concedetegli di giocare a farsi i book fotografici su facebook in maniera da avere un ricco CV per le prossime campagne elettorali per la Regione Lazio o il Comune, concedetegli pure di avere un nutrito popolino di fan pronto ad immolarsi e difenderlo dalle critiche. I 5 stelle del Municipio come del resto gli altri partiti, vi nascondono in maniera colpevole il costo delle sedute di consiglio e commissioni: inutili, penosi, peccaminoso verso chi non ha pane, possibilità, in un momento dove non ci sono le risorse per fare la derrattizzazione, ma si trovano i soldi per pagare i consiglieri, il loro lavoro inutile ed infecondo. Costo del Parlamentino del Municipio VIII

La cosa che mi lascia interdetta su Paolo Pace non è tanto il suo modus operandi che è ancora in fase di valutazione, ma sono le dichiarazioni che rilascia e che ci lasciano atterriti , dichiarazioni demenziali ai giornali on line sulla emergenza topi – “non faccio miracoli come San Gennaro” – per poi operare in fretta e furia una chiusura del giardinetto di via Ostiense per la presenza massiccia di topi che di fatto costituiscono un reale pericolo per la salute di tutti noi.

Paolo Pace risolve così i problemi veri? Fa chiudere i giardini per la presenza topi anziché richiedere risorse economiche per la derattizzazione o meglio chiedere di rinunciare per un anno ai consiglieri al gettone?

Tutto quello che non si può fare con i soldi, il M5s come le passate amministrazioni le delega ai gruppi di pulizia, alle associazioni che hanno adottato strade o parchi da pulire a titolo gratuito per l’amministrazione – folle – encomiabile il loro lavoro a titolo gratuito, ma il lavoro che loro fanno a titolo gratuito sono posti di lavoro che non ci sono più, famiglie ridotte sul lastrico finiscono in strada. Un servizio giardini azzerato dallo stesso Alemanno  che contribuì allo sfacelo, perché pare colpa solo di Marino, ma stranamente i 5 stelle non puntano mai il dito su Alemanno e le sue decisioni folli nonché spese personali di rappresentanza elevate che io stessa scoprii nell’Albo Pretorio nel 2012 ed inviai all’allora attivista Salvatore Romeo sperando ne facesse qualcosa, visto che lavorava sui bilanci. Oggi Salvatore Romeo lavora per lo staff Raggi ed ha lo stipendio triplicato,  di quelle spese folli di Alemanno non si è più saputo nulla. Come dimenticare che fui io sempre nel 2012 molto prima che la Raggi & Co arrivassero in Campidoglio a scoprire gli stipendi folli dei dirigenti comunali:  ho ancora il messaggio che mandai alla Raggi quando era stata appena eletta consigliere comunale. Senza attivisti e gente preparata lavorativamente mi chiedo dove possano andare questi millantatori improvvisati che rischiano ogni giorno con la loro supponenza di fare errori colossali, di mettersi loro stessi nei casini, di sottovalutare persone e situazione per strapagarne altre. Ma vi rendete conto che vogliono candidare Di Maio a presidente del Consiglio? Uno che ha dato 5 esami in vita sua, non ha alcuna esperienza lavorativa né di vita. Rabbrividisco al pensiero di consegnare l’Italia in mano ad un manica di improvvisati che mistificano e in maniera veramente subdola nascondono ai loro accoliti il reale stipendio che portano a casa.

Oggi Paolo Pace insieme a Virginia Raggi,  gli ex pulitori che sono rimasti senza lavoro li va a trovare alla Caritas ,  a favore di telecamere e fotografi si consuma un reality per gente sempliciotta che si è fatta irretire da persone semplici come loro. Ora la fragilità viene fuori prepotentemente ed i post che scrivono su facebook rivelano grandi contraddizioni.

Millantare, celare, mistificare, raccontare mezze verità, non accettare critiche,  il considerarsi qualcosa che non si è, sentirsi una spanna sopra gli altri, moralmente discutibile per le scelte di avere in consiglio addirittura 4 componenti della stessa famiglia e tacere colpevolmente, non prendere nessun tipo di posizioni in merito da parte del Presidente, non sono senza parole, sono solo sbalordita.

Chiudere un parco per la presenza dei topi perché non si hanno soluzioni nell’immediato per reale mancanza di denaro. Lasciare un cratere in mezzo ad una strada principale (via Guglielmo Massaia) per settimane e non intervenire perché ci sono le vacanze di mezzo – STI CAZZI! –  Far credere alla gente che tutto l’VIII municipio è perfettamente lindo e poi scopri che ci sono stradine periferiche poco battute da auto e pedoni o come a Via Capitan Bavastro completamente immerse nelle erbacce e nei rifiuti. Ma dove guardate voi cittadini, ma ci vedete bene quando camminate? Dove è questa tanto decantata pulizia?

Le strade pulite da una parte e luride dall’altra. Le immagini che postano i 5 stelle non sono mai verità assoluta, c’è sempre da avere dei grandi dubbi ed io su di loro di DUBBI ne ho tantissimi.

Queste sono le foto che ho scattato stamane 21 agosto 2016 a Via Capitan Bavastro e alla circonvallazione Ostiense di fronte la Banca Unicredit. Due zone dove gli appartamenti arrivano a costare anche 400 mila euro per 57 mq. Se questo è un Municipio decente!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politica, Roma, società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...